La sala stampa del Vaticano ha informato che Papa Francesco consacrerà Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria, il 25 marzo, nella Basilica di San Pietro, durante la Celebrazione della Penitenza che presiederà alle 17:00 (ora di Roma). Lo stesso giorno, il Cardinale Konrad Krajewski, Elemosiniere di Sua Santità, compirà un analogo atto di consacrazione presso il Santuario di Nostra Signora di Fatima in Portogallo, come delegato pontificio. 

papa francisco e nossa senhora de fatima e1494426941505Il 25 marzo è una data speciale. Oltre ad essere la festa della solennità dell'Annunciazione del Signore, fu in questo giorno, 38 anni fa, che nel 1984 san Giovanni Paolo II consacrò il mondo al Cuore Immacolato di Maria.

All'inizio di questo mese, i vescovi cattolici di rito latino dell'Ucraina e anche l'Apostolato Mondiale di Fatima Internazionale avevano chiesto a Papa Francesco di consacrare l'Ucraina e Russia al Cuore Immacolato di Maria, proprio in questo momento in cui una terribile guerra è ancora in corso in Europa, causata dall'invasione e dall'attacco dell'esercito russo all'Ucraina.

Il Messaggio di Fatima è un appello alla pace! Quando la Madonna apparve, nel 1917, disse ai tre pastorelli: "Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Mio Cuore Immacolato. Se faranno quel che io vi dirò, molte anime si salveranno e avranno pace". La Madonna aveva anche chiesto la consacrazione della Russia al Suo Cuore Immacolato, affermando che se questa richiesta non fosse stata accolta, la Russia "diffonderà i suoi orrori nel mondo, suscitando guerre e persecuzioni alla chiesa.". "I buoni" - ha aggiunto la Madonna - "saranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, varie nazioni saranno distrutte".

Come già indicato nella lettera dal Presidente Internazionale dell’AMF, siamo tutti invitati a rinnovare la Consacrazione del mondo al Cuore Immacolato questo 25 marzo. Ora, lo faremo anche in unione con il Santo Padre e molti Vescovi in tutto il mondo, che consacreranno la Russia e l'Ucraina.

La vera devozione al Cuore Immacolato di Maria, attraverso la conversione continua, la preghiera, la penitenza e la riparazione, affidandosi a Dio e a Maria, aiuterà a salvare il mondo e a portare la pace!

Il Presidente Internazionale dell'Apostolato Mondiale di Fatima, Prof. Américo López-Ortiz, ha scritto una lettera circolare a tutti i leader e membri dell'Apostolato di Fatima in merito alla terribile invasione e all'attacco della Russia all'Ucraina. fatima imaculada coracao 2 1

Nella sua lettera sottolinea che tale "situazione critica deve essere affrontata con le armi spirituali che abbiamo per vincere il male" e che il nostro movimento ha il dovere "di illuminare i cuori dei fedeli con la luce della speranza nel trionfo definitivo del Cuore Immacolato di Maria promesso a Fatima". Lui ha anche scritto al Santo Padre proponendo il rinnovamento della consacrazione del mondo al Cuore Immacolato di Maria e, allo stesso tempo, chiedendo sostegno per promuovere la devozione dei primi cinque sabati del mese, come richiesto dalla Madonna, per ottenere la pace per l'umanità.

Pertanto, il prossimo 25 marzo, siamo tutti incoraggiati, individualmente o in comunità, a rinnovare la Consacrazione Collegiale del Mondo al Cuore Immacolato di Maria; quella eseguita da San Giovanni Paolo II, nel 1984, a Roma. Il testo della Consacrazione si trova qui.

Restiamo tutti uniti nella preghiera, ancor più che mai, mentre celebriamo la Quaresima e ci prepariamo alla Pasqua, festa della vittoria di Cristo sulla morte e sul male.

I membri dell'AUcraniapostolato Mondiale di Fatima in Ucraina, in particolare quelli della parrocchia della Natività della Madre di Dio, a Lviv, hanno un antico desiderio di accogliere la visita della Statua Pellegrina di Nostra Signora di Fatima nella loro regione. Questo è diventato più vero in questo particolare momento di guerra e tensione con la Russia. Pertanto, il 10 marzo, l'arcivescovo greco-cattolico e metropolita di Lviv, Mons. Ihor Vozniak, ha scritto una lettera al rettore del Santuario di Fatima, in Portogallo, per chiedere formalmente la visita della Immagine, "al fine di chiedere la sua intercessione e protezione per l'Ucraina e per il mondo intero", ha scritto.  

Il Santuario di Fatima ha ricevuto la lettera e ha immediatamente deciso di inviare la Statua della Vergine Pellegrina nº 13, una replica di quella originale, in Ucraina. Viaggerà via Cracovia, in Polonia, questa settimana. La Statua rimarrà per un mese in Ucraina e sarà accolta e trasportata dalla comunità greco-cattolica di Lviv, dove c'è un gruppo di membri dell'Apostolato Mondiale di Fatima, con i quali siamo profondamente uniti, sia spiritualmente che attraverso la nostra assistenza. 

La Madonna di Fatima ci ha chiesto insistentemente di pregare per la pace. La visita della Immagine di Nostra Signora in Ucraina fa parte di questa missione spirituale e pastorale per instaurare la pace in questo paese e nel mondo.

Nota storica: Nel 1971, un gruppo di pellegrini dell'Apostolato Mondiale di Fatima, degli Stati Uniti, tentò di consegnare una statua della Vergine Pellegrina di Nostra Signora, in Russia, che era stata benedetta a Fatima da Papa Paolo VI, ma le fu negato l'ingresso. Mentre erano seduti su una nave nel porto ucraino di Odessa, hanno preso la decisione di far volare la statua a Mosca su un aereo noleggiato, avvolgerla in stracci e farla peregrinare segretamente attraverso il cuore della Piazza Rossa. Fu poi riportata sulla nave e più tardi collocata presso il Santuario del Cuore Immacolato di Maria a Washington, in New Jersey, dove divenne nota come la "Statua della Vergine Pellegrina di Odessa". Alcuni anni fa, questa stessa Statua è stata offerta dall'Apostolato degli Stati Uniti, alla comunità parrocchiale cattolica di Kazan, in Russia, dove è ancora venerata.

 

canonizacaoIl 20 febbraio la Chiesa celebra la Festa liturgica di San Francesco e Santa Giacinta Marto, i due bambini di Fatima, canonizzati nell'anno 2017. 

L'Apostolato Mondiale di Fatima prende questa data per celebrare la santità di questi due pastorelli e per promuoverne la loro spiritualità. A Fatima e in tutto il mondo, la Chiesa farà memoria di questi due bambini santi, per imparare da loro la virtù dell'umiltà, della preghiera e dell'offerta a Dio.

Papa Francesco ha nominato en 28 gennaio il vescovo José Ornelas, nuovo Vescovo della diocesi di Leiria-Fátima, succedendo al Cardinale António Marto.

Sem TítuloIl nuovo vescovo de Fátima è membro della Congregazione Missionaria dei Padri Dehoniani - Sacerdoti del Sacro Cuore di Gesù. Ha 68 anni ed è stato responsabile della diocesi di Setúbal, Portogallo, dal 2015. Inoltre, è anche Presidente della Conferenza Episcopale Portoghese.

Il Cardinale António Marto aveva presentato la sua rinuncia al Santo Padre quando ha compiuto 74 anni, lo scorso maggio 2021, a causa della sua età e anche "consapevole degli enormi limiti delle sue forze fisiche e psicologiche per esercitare correttamente l'ufficio, in vista delle esigenze pastorali della Diocesi e del Santuario di Fatima".

Mons. José Ornelas, nel suo primo messaggio scritto ai fedeli della diocesi, ha fatto un riferimento speciale a Fatima, dicendo:

"Fatima risuona nelle nostre orecchie e nei nostri cuori, qui in Portogallo e nel mondo, come un luogo molto speciale e un riferimento della presenza di Dio, anche in una situazione drammatica, simile a quella in cui viviamo. (...) Maria, Madre amorevole dei piccoli è l'immagine della Chiesa che vogliamo essere, come araldi in questo mondo".

L'Apostolato Mondiale di Fatima espressa la sua gratitudine al Cardinale António Marto per il suo esempio e servizio come pastore della Diocesi di Leiria-Fatima (2006-2022) e per il suo sostegno all'Apostolato Mondiale di Fatima, nella qualità di suo consigliere ecclesiastico.

Accogliamo con gioia il nuovo vescovo José Ornelas e preghiamo per lui e per la sua fruttuosa missione.

L'ingresso ufficiale di Mons. José Ornelas nella diocesi di Leiria-Fatima è previsto per il 13 marzo 2022, nella Cattedrale di Leiria.