L’Apostolato Mondiale di Fatima, come parte del proprio programma formativo, ha organizzato congressi regionali in tutti i Continenti, per dare ai membri di una particolare regione la possibilità di riunirsi per imparare e discutere le questioni riguardanti l’Apostolato. L’anno prossimo, dal 3 al 5 Febbraio 2019, l’India ospiterà il terzo Congresso per l’Asia, a Calcutta.  Il primo Congresso si è tenuto nelle Filippine nel 2006 e il secondo in Corea del Sud nel 2009.

Il tema scelto per l’incontro in India è “...Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato...” (Nostra Signora di Fatima, 13 Luglio 1917): “Nella dimora del Cuore Immacolato di Maria con Santa Teresa di Calcutta”. Il Congresso avrà momenti di formazione attraverso la presentazione di conferenze sul Messaggio di Fatima così da diffondere maggiormente il Messaggio di pace e speranza della Madonna. Ci saranno anche relazioni, workshop, momenti di preghiera, l’adorazione eucaristica e la Santa Messa. Il 10° Incontro Nazionale per l’India avrà luogo in concomitanza con il Congresso. Il 6 febbraio i delegate si trasferiranno a Goa, la terra di San Francesco Saverio e di San Giuseppe Vaz, per un pellegrinaggio.  

I membri dell’Apostolato della regione asiatica sono incoraggiati a partecipare.

Il 20 febbraio, si celebra la festa liturgica dei Santi Francesco e Giacinta Marto, i due pastorelli di Fatima. la devozione a questi due nuovi santi sta crescendo in tutto il mondo e molte parrocchie e gruppi di preghiera commemorano questa data con delle celebrazioni liturgiche.

Per esempio, il Santuario di Fatima a Valenzuela City, nelle Filippine, ha preparato per quest’anno un programma di tre giorni in onore dei Santi Francesco e Giacinta, includendo la venerazione delle reliquie e altri momenti di devozione. 

Per quanto riguarda il Santuario di Fatima, in Portogallo, il programma prevede una veglia il giorno 19 febbraio, con la preghiera del Rosario, processione con le candele e venerazione dei Santi presso le loro tombe. Le celebrazioni continueranno il giorno 20 con la preghiera del Rosario alla Cappellina delle Apparizioni, seguita dalla processione con le icone dei Santi Francesco e Giacinta verso la Basilica della Santissima Trinità, dove verrà celebrata la Santa Messa. Nel pomeriggio, sempre presso la Basilica della Santissima Trinità, avrà luogo un incontro di catechesi con i bambini.

Il ‘Giorno dei Pastorelli Francesco e Giacinta Marto´ verrà inoltre commemorato per la prima volta come festa cittadina a Juranda, città della diocesi di Campo Mourão, Paraná, Brasile, dove vive Lucas, il bambino del miracolo che ha permesso la canonizzazione Pastorelli.

Note storiche

Francesco Marto nacque ad Aljustrel, Fatima, l’11 giugno 1908 e sua sorella Giacinta Marto nacque nella stessa località l’11 marzo 1910. Nella loro famiglia, di origini modeste, hanno imparato a conoscere e lodare Dio e la Vergine Maria. Nel 1916 ebbero per tre volte la visione di un Angelo e nel 1917, videro sei volte la Beata Vergine Maria, che chiese loro di pregare e fare sacrifici per la conversione dei peccatori e ottenere la pace nel mondo. Entrambi vollero da subito rispondere con tutte le loro forze a questi appelli. Sempre più infiammati dall’amore per Dio e per le anime, avevano una sola aspirazione: pregare e soffrire rispondendo alle richieste dell’Angelo e della Beata Vergine. Francesco morì il 4 aprile 1919 e Giacinta il 20 febbraio 1920. Papa Giovanni Paolo II si recò a Fatima il 13 maggio 2000 per beatificare i due bambini. Papa Francesco venne a Fatima il 13 maggio 2017 in occasione del Centenario delle Apparizioni e canonizzò i primi bambini non martiri nella storia della Chiesa. 

Il Santuario di Fatima ha presentato il 1° dicembre il tema per il nuovo anno pastorale 2018/2019: “Tempo di grazia e di misericordia: rendere grazie per il pellegrinaggio nella Chiesa”.

La sessione è iniziata con l’apertura della nuova mostra temporanea dedicata al centenario della costruzione della cappellina delle apparizioni. La mostra sarà visitabile fino al 15 ottobre 2019, al livello inferiore della Basilica della Santissima Trinità.

Il Rettore del Santuario, P. Carlos Cabecinhas, ha introdotto il tema sottolineando che quest’anno rifletteremo sull’esperienza di essere Chiesa, una Chiesa pellegrina, e sul significato stesso del pellegrinaggio. Nel 2019 si celebreranno due centenari assai rilevanti nel contesto del Santuario di Fatima e della sua missione: i cento anni dalla costruzione della cappellina delle apparizioni e il centenario della morte di San Francesco Marto il 4 aprile 2019.

La Segreteria Internazionale, con base a Fatima, raccoglie le adesioni di nuovi membri da ogni parte del mondo, incluse quelle effettuate online attraverso il sito www.worldfatima.com.

Al termine dell’anno le adesioni sono deposte solennemente ai piedi di Nostra Signora di Fatima, nella Cappellina delle Apparizioni. Questo gesto simbolico risale ai primi anni del movimento e da allora viene sempre fatto per affidare la vita di ogni nuovo membro nelle mani della Madonna, chiedendo protezione e perseveranza nel loro impegno di vivere e promuovere il Messaggio di Fatima.  

A dicembre, nella vigilia della festa dell’Immacolata Concezione, la Segreteria ha portato le adesione al Santuario di Fatima e ha svolto un momento di preghiera nella Cappellina delle Apparizioni, recitando il Rosario per tutti i membri, in particolare per quelli entrati durante l’anno che sta per concludersi. Le adesioni e le richieste di preghiera sono state deposte nel punto esatto dove la Madonna è apparsa ai tre Pastorelli nel 1917. 

Per il 3 novembre 2018, l’Apostolato Mondiale di Fatima sta organizzando un momento di adorazione eucaristica con i bambini e i giovani nella chiesa parrocchiale dei Tre Pastorelli di Fatima, in Portogallo, in collaborazione con il movimento portoghese Messaggio di Fatima. Anche altri bambini in tutto il mondo saranno uniti nella preghiera.

Il programma consiste in un’ora di adorazione al Santissimo Sacramento con la recita del Rosario di fronte al Tabernacolo dove tante volte i Santi Francesco e Giacinta Marto e la loro cugina Lucia hanno adorato e consolato Dio. L’idea è che i bambini, su imitazione dei Pastoreli di Fatima, preghino per le loro famiglie, per il Santo Padre e la pace nel mondo.